Alint

ALINT LOGOPEDIA INTEGRATA

Alint

Metodo referenziale

OBIETTIVI

 

Il linguaggio è correlato non solo alla nostra psiche e alla nostra mente, ma anche a tutte le funzioni del nostro corpo quali la motricità e le funzioni del cavo orale.

 

Attraverso il Metodo Referenziale  il gruppo di studio della dottoressa Daniela Barberini, formato da logopedisti, pediatri, odontoiatri, medici, linguisti e statistici si impegna nel lavoro riabilitativo logopedico applicando il punto di vista della complessità proprio riflettendo su quanto suddetto.

 

L’attività di Logopedisti Alint a Roma cura sia presso gli studi che a domicilio:

Disturbi cognitivi e del linguaggio degli adulti (esiti di chirurgia cerebrale, di ischemie ed emorragie cerebrali; di traumi cranici; agnosie visive e uditive, afasie, aprassie, prosopagnosie, deficit dell’attenzione e della memoria, deficit campi visivi da neuro lesione, demenze);

Disfagie;

Disturbi della funzionalità del cavo orale e dell’apparato fonatorio (rieducazione delle corde vocali, dislalie, deglutizioni atipiche, etc.);

Rieducazione alla fonazione in seguito adinterventi chirurgici maxillo facciali, odontoiatrici e del cavo orale;

Disturbi specifici e/o aspecifici dell’apprendimento? (come dislessie, disgrafie, disortografie e discalculie);

Ritardi del linguaggio e disturbi fonologici;

Logopedia Alint a Roma  è specializzata nella riabilitazione delle afasie e nella prevenzione dei disturbi dell’apprendimento dei bambini dai 2 ai 6 anni.

 

Gli obiettivi di Alint si incentrano sulla diffusione del Metodo referenziale- Logopedia integrata e dei concetti base che lo sottendono: la complessità funzionale e strutturale dell’uomo e l’integrazione tra tutte le discipline che si occupano del linguaggio umano. Gli obiettivi sono perseguiti attraverso:

 

- Formazione e aggiornamento di varie figure professionali e degli insegnanti di ogni ordine e grado;

- La ricerca scientifica con altri studiosi del cavo orale (odontoiatri, osteopati, posturologi, otorinolaringoiatri e foniatri) e del linguaggio (linguisti, psicologi);

- L’integrazione di tutti questi saperi per il fine ultimo di potenziare il benessere (wellness empowerment) nei bambini e negli adulti attraverso la riequilibrazione funzionale;

- Creare un modello sociale per una nuova sanità integrata;

- Il riconoscimento della figura del Logopedista sia professionalmente sia come operatore della comunicazione umana;

- Favorire e incentivare la collaborazione tra la Logopedia Integrata e il territorio (pediatri, medicina generale e scuola).

Share by: